Comprare Lexapro Online Italia

LEXAPRO
Lexapro-pill
$0.27Per pill

Lexapro è un antidepressivo altamente selettivo del gruppo degli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI). Utilizzato per trattare gli episodi depressivi e il disturbo d'ansia generalizzato, nonché altri disturbi d'ansia (fobia sociale, disturbo di panico, ecc.).

Lexapro: usi e effetti collaterali dell'escitalopram di alta classe

L'escitalopram è una parte del gruppo degli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI), usato per trattare la depressione e altri disturbi mentali. Farmaci simili in questa famiglia includono la sertralina, la fluoxetina, la paroxetina e il citalopram, un precursore di Lexapro (escitalopram).

Le aziende farmaceutiche H. Lundbeck A / S e Forest Laboratories creano questo medicinale nel 1997; hanno avuto esperienze precedenti da quando hanno dato origine al citalopram, un altro farmaco antidepressivo simile a Escitalopram. Tuttavia, non è stato fino al 2012 che Lexapro ha guadagnato forza ed è stato commercializzato in modo arduo. Oggi è uno degli SSRI più usati come antidepressivo e ansiolitico, sebbene abbia molti usi in molte altre patologie.

Lexapro come SSRI

Sebbene il meccanismo d'azione non sia ben noto, gli SSRI sono gli antidepressivi più frequentemente prescritti. Gli scienziati attribuiscono la sua efficacia nel trattare i sintomi di ansia e depressione per l'effetto sul rilascio di diverse monoammine: serotonina, noradrenalina e dopamina.

Questi farmaci aumentano la disponibilità delle monoamine nello spazio sinaptico (lo spazio tra ciascun neurone) limitando il loro assorbimento dai recettori post-sinaptici.

Ciò significa che avremo più neurotrasmettitori - che mancano nella depressione e nell'ansia - nel luogo in cui ne abbiamo più bisogno.

Inoltre, a differenza di altri SSRI, Escitalopram esercita il suo effetto in modo altamente selettivo, a differenza del resto dei farmaci nella sua classe; questo significa che la sua interazione con i recettori di altri neurotrasmettitori è scarsa, quindi non osserveremo gli effetti collaterali, così come con altri farmaci, derivanti da stimolazioni indesiderate.

Usi di Escitalopram

Come altri SSRI, Escitalopram è efficace per il trattamento di più sintomi legati all'ansia e alla depressione, sebbene non tutti i paesi abbiano approvato il suo uso per gli stessi disturbi.

Vediamo gli usi terapeutici più comuni di Escitalopram.

1.Disturbo depressivo maggiore

Anche quando ci sono molti tipi di depressione, la ricerca scientifica ha dimostrato l'efficacia di Escitalopram nel trattamento del disturbo depressivo maggiore. Infatti, grazie all'elevata efficacia di questo farmaco come antidepressivo, gli specialisti hanno considerato il suo uso in altre patologie la cui origine biologica - l'alterazione dei livelli di serotonina - è simile a quella della depressione, come il disturbo d'ansia generalizzato, il disturbo ossessivo-compulsivo e bulimia nervosa.

L'alta selettività di Escitalopram come SSRI lo rende un pilastro ideale per curare la depressione.

2.Disturbo d'ansia generalizzato

L'ansia generalizzata è un disturbo acuto e consensuale che interferisce con le attività quotidiane di tutti. Gli effetti terapeutici di Escitalopram in questo disturbo sono significativi e rapidi; i medici rileveranno chiari miglioramenti nella condizione della maggior parte dei pazienti circa due mesi dopo l'inizio del trattamento. Puoi funzionare normalmente entro la fine del terzo mese, cioè non interferirà con le tue attività quotidiane.

3.Malattia da panico

Il disturbo di panico è caratterizzato dall'insorgenza di attacchi di panico, durante i quali si manifestano sintomi quali tachicardia, mancanza di respiro e paura della morte. Può o non può essere accompagnato da agorafobia. L'Escitalopram, attraverso la permanenza della serotonina nello spazio sinaptico, ti permette di reagire alle tue normali attività, che gli effetti organici dell'attacco di panico scompaiono e che il numero e la frequenza delle crisi diminuiscono notevolmente.

lexapro-it1

4.Fobia sociale

Nella fobia sociale, compaiono i sintomi di ansia associati all'interazione sociale. Oltre agli antidepressivi, i medici prescrivono a volte ansiolitici, in particolare beta-bloccanti e benzodiazepine. Un importante punto di trattamento è anche costituito dalla psicoterapia; tuttavia, Lexapro è uno dei farmaci più usati.

5.Disturbo ossessivo compulsivo

I medici usano Escitalopram e alcuni altri SSRI per trattare il disturbo ossessivo-compulsivo o DOC, diagnosticato quando sono presenti pensieri ossessivi che causano ansia e rituali comportamentali che mirano a ridurre il disagio.

Effetti collaterali: il comune denominatore di antidepressivi

Non esiste un farmaco perfetto, anche i più recenti antidepressivi hanno effetti collaterali importanti e Lexapro non fa eccezione. Nonostante la sua elevata selettività con i recettori della serotonina, mantiene alcune interazioni con i recettori della dopamina e della noradrenalina, che possono spiegare alcuni dei suoi effetti collaterali. Inoltre, possiamo ottenere un maggiore aumento dei livelli di serotonina, che può anche essere dannoso.

Tuttavia, sebbene desideriamo migliorare rapidamente e il farmaco diventi presto operativo, le prime settimane mostrano cambiamenti molto importanti e improvvisi, che a volte possono avere effetti indesiderati molto importanti.

Tra gli effetti collaterali di questo farmaco, oltre alla maggior parte dei farmaci psichiatrici, spiccano la nausea e il vomito. È difficile concludere il trattamento con questo farmaco senza avere questo tipo di conseguenze. Le alterazioni gastrointestinali sono sempre frequenti con qualsiasi farmaco, oltre a quanto sopra menzionato evidenzia anche diarrea e stitichezza. Inoltre, altri sono anche frequenti ostruzioni delle mucose nasali e diminuzione o aumento dell'appetito.

Paradossalmente, questo farmaco - in casi specifici - potrebbe anche causare ansia e agitazione, sebbene possiamo usarlo per questi casi. I disturbi del sonno sono frequenti, soprattutto l'incapacità di addormentarsi, la sonnolenza, lo sbadiglio, ecc.

Facciamo menzione speciale di tre importanti disturbi:

1) Alterazioni sessuali:Come la maggior parte degli inibitori della ricaptazione della serotonina, le disfunzioni sessuali sono un effetto collaterale molto comune. Potresti notare una marcata diminuzione della libido o dell'appetito sessuale, ma anche altri effetti correlati all'aspetto sessuale come l'anestesia genitale, i disturbi dell'eccitazione, il ritardo eiaculatorio e l'anorgasmia (specialmente nelle donne).

2) Emorragie: Un effetto avverso catalogato come infrequente (1 su 1000 pazienti) si presenta con Escitalopram. Nelle donne, i medici lo riferiscono a un abbondante sanguinamento vaginale, specialmente durante i giorni delle mestruazioni, mentre il sanguinamento nasale è frequente negli uomini, anche se le donne ne soffrono.

3) Convulsioni: Come detto sopra, dobbiamo stare particolarmente attenti se stiamo parlando di pazienti con epilessia. Questa è una delle reazioni avverse meno frequenti presenti in alcuni dei pazienti che usano questo farmaco.

Altri effetti avversi meno frequenti, ma anche presenti, sono difficoltà respiratorie, alterazioni del ritmo cardiaco, infiammazione del viso, mani e caviglie, aumento della sudorazione, dolore muscolare o articolare, affaticamento, febbre, perdita di peso, aggressività, allucinazioni e così via. sopra.

Considerazioni prima di prendere Lexapro

Sebbene sia il miglior antidepressivo, non possiamo usarlo su nessuno. Siamo tutti diversi e abbiamo condizioni di base che alterano il risultato dell'uso di questo farmaco, quindi è meglio tenere presente a quali condizioni possiamo usare o meno Lexapro.

Non possiamo usarlo in nessuna circostanza quando:

  • Allergie: Se sei allergico a questo composto o composti simili (come il citalopram) non puoi usare questo farmaco. Le reazioni allergiche a Lexapro possono variare da lievi eruzioni cutanee a complicazioni potenzialmente letali, quindi fai attenzione.
  • MAO: Il fegato metabolizza questo farmaco grazie all'enzima MAO, quindi controlla i farmaci che assumi in Lexapro e assicurati che nessuno di essi inibisca quell'enzima, perché l'Escitalopram si accumula in modo dannoso nel tuo corpo.
  • Gravidanza: ci sono altre opzioni in caso di gravidanza; tuttavia, Escitalopram è dannoso per il bambino. Molti studi mostrano il potenziale rischio di ipertensione polmonare persistente durante il terzo trimestre di gravidanza con l'uso di Lexapro. D'altra parte, aumenta anche il rischio di emorragia postpartum, quindi l'uso di questo farmaco durante la gravidanza è delicato. Parlate con il vostro medico di altre opzioni e se non dovreste assumere Escitalopram.

Casi speciali con Lexapro:

-Epilessia:Informi il medico se soffre di epilessia o ha già avuto una crisi epilettica, questi sono fatti importanti che il medico dovrebbe sapere. Il Lexapro - in alcuni casi - aumenta la frequenza delle crisi. Se non si soffre di epilessia, ma dopo aver usato questo farmaco sperimentato qualche tipo di crisi, perdita temporanea della memoria o decadimento improvviso senza spiegazione lasciare il farmaco.

-Danno epatico / renale: Se si soffre di una malattia che potrebbe alterare i reni o il fegato, come l'ipertensione, consultare il medico. Il rene è la via di eliminazione di questo farmaco e il fegato è colui che lo metabolizza, quindi, se questi organi sono colpiti, accumuleremo dannosamente questa medicina nel nostro organismo. Il medico manterrà la prescrizione; tuttavia, l'idea è di regolare le dosi in base al danno a quegli organi.

-Diabete: Lexapro può alterare i livelli di glucosio nel sangue nel tuo corpo, pertanto è necessario mantenere uno stretto controllo sulle misurazioni glicemiche e regolare le dosi dei farmaci.

-Emorragie: se soffri di qualsiasi tipo di disturbo emorragico fai attenzione, il Lexapro può aumentarlo.

-Malattie coronariche: consultare il proprio medico e spiegare le diverse patologie che potrebbero influenzare il sistema cardiovascolare, è necessario adottare misure importanti per evitare complicazioni dannose.

Informazioni e consigli importanti sull'utilizzo di Lexapro

-Consultare il proprio medico: non provare a prendere Escitalopram da solo, questo farmaco è abbastanza potente e può causare danni significativi. Sii onesto con il tuo medico; parlagli di ciascuna delle tue patologie, malattie passate, medicine che hai usato, ecc. Potrebbe essere essenziale evitare l'uso di Lexapro. Come accennato in precedenza, i pazienti con alterazioni renali o epatiche possono essere particolarmente a rischio, pertanto il medico potrebbe indicare alcune valutazioni prima dell'uso di questo farmaco per garantire che il rene e il fegato siano in condizioni ottimali.

-Concezione: È meglio evitare la gravidanza il più possibile, le alterazioni e i danni che provoca sul bambino sono molti e vanno oltre quelli già citati, quindi è meglio evitare l'uso di questo medicinale per mantenere intatta la tua salute. Anche l'allattamento al seno è controindicato, infatti le alterazioni causate da Lexapro sulla prolattina, l'ormone responsabile della produzione di latte materno, sono piuttosto importanti, quindi è preferibile non allattare al seno durante quel periodo di tempo.

-Durata e tempo: la maggior parte delle persone con disturbi importanti, come ansia o depressione generalizzata, si aspettano rapidi cambiamenti nel loro comportamento o stato di salute, tuttavia, la maggior parte degli antidepressivi impiega settimane o addirittura mesi a prendere effetto, quindi raccomandiamo di essere pazienti e attendere almeno 2 settimane, il tempo in cui è possibile vedere i primi effetti di Escitalopram. Tuttavia, questa volta può variare a seconda del paziente e della sua sensibilità a questo farmaco, quindi è meglio non disperare e avere pazienza, buoni cambiamenti richiedono tempo.

-Bambini e adolescenti: I medici non raccomandano l'uso di Lexapro nei minori in quanto possono contribuire a potenti effetti collaterali psichici, come ostilità, pensieri suicidi e tentativi di suicidio. È difficile prescrivere questo tipo di farmaci nei minori; tuttavia, il medico può decidere di farlo se crede che sia nel miglior interesse del paziente. Tuttavia, se vedi effetti sfavorevoli, interrompi l'uso. Esistono altri effetti a lungo termine non molto ben descritti tra i quali troviamo alterazioni di crescita, sviluppo cognitivo e maturità mentale; tuttavia, sono pochi casi e non sono statisticamente significativi.

-Non superare la dose: anche se dimentichi di prendere una pillola, non provare a prenderne due per sostituire quella che hai perso, gli SSRI sono farmaci pericolosi che non elaboriamo in dosi elevate, possono essere tossici e causare danni agli organi. Se inconsciamente superi la dose, consulta immediatamente il medico o il servizio di tossicologia nella tua città. Alcuni dei segni di intossicazione sono vertigini, vomito, convulsioni, mal di testa, idroelettrolita e disturbi del ritmo cardiaco, così come la pressione sanguigna.

-Interruzione del trattamento: Escitalopram è come qualsiasi altro farmaco, non puoi fermarlo durante la notte ed è un processo che richiede tempo. Se interrompe il trattamento all'improvviso, soffrirà di sintomi da astinenza, specialmente se ha assunto Lexapro per un lungo periodo di tempo o quando le dosi assunte erano molto alte. La maggior parte dei pazienti riferisce che questi sintomi sono brevi e rapidi, non superiori a due settimane; tuttavia, in alcuni pazienti può durare fino a 2 mesi.

Alcuni dei sintomi di astinenza più frequenti includono vertigini (sensazione simile a vertigini), prurito, formicolio, disturbi del sonno (il paziente può dormire ma non riposa, ha sogni molto intensi), irrequietezza, confusione, disturbi del ritmo, allucinazioni, ecc. Per evitare questi effetti, non interrompere bruscamente il farmaco; il medico ridurrà gradualmente la dose fino a quando non abbandonerai definitivamente il trattamento.

Depressione e ansia sono due disturbi psichiatrici che devono essere affrontati con molte terapie e tecniche; non lasciare da parte alcune opzioni buone come Escitalopram solo per i suoi effetti negativi. Tutti i farmaci hanno effetti indesiderati; devi superarli e iniziare a migliorare.


Depressione: quando dovremmo sospettare di tristezza?

Nel corso degli anni, la definizione di Depressione è cambiata enormemente come il modo in cui la società riconosce questo disturbo. Tuttavia, l'unica cosa chiara è che è una delle patologie più importanti del nostro tempo e che indubbiamente ci sarà sempre qualcuno vicino a noi con la depressione, quindi è importante imparare a riconoscere i sintomi e l'evoluzione di questo malattia.

La depressione è molto più che essere senza stati d'animo o con stati d'animo bassi, è un disturbo mentale caratterizzato da sentimenti di tristezza legati ad alterazioni nel comportamento, nell'attività e nel pensiero. Questa malattia colpisce non solo il malato, ma anche le persone attorno a chi ne è colpito.

Questo disturbo è la prima causa di attenzione in psichiatria, che appare più frequentemente nelle donne, specialmente se hanno più di 45 anni. Inoltre, è la patologia psichiatrica più frequente nelle cure primarie e la prima origine della disabilità psicologica.

L'origine della depressione

La depressione è una malattia di origine multifattoriale, non esiste un singolo aspetto o fattore capace di innescarlo da solo, ma l'interazione di tutti questi fattori deve avvenire per lasciare il posto all'origine di questa terribile patologia.

Fattori genetici

Nonostante sia una malattia psichiatrica, ha una componente organica. Gli specialisti hanno dimostrato che esiste un rischio maggiore del 30% circa di soffrire di depressione se anche un parente stretto ha sofferto di tale malattia. Allo stesso modo, i gemelli - monozigoti o dizigoti - hanno un'alta percentuale di sofferenza dalla depressione se qualcuno ne soffre; questi erano i dati di maggior peso negli studi relativi alla genetica e a questo disturbo.

lexapro-it2

Fattori organici

Il livello di serotonina non è solo l'origine della malattia, ma anche il punto chiave che determina l'aspetto e la cronicità di questo disturbo. Pertanto, qualsiasi malattia in grado di alterare i livelli di questo prezioso neurotrasmettitore causerà depressione.

Fattori personali

Esiste una relazione diretta tra sesso e depressione poiché le donne sono le più colpite. Allo stesso modo, l'età è un fattore determinante; le persone di età compresa tra 35 e 45 anni sono solitamente le più colpite. La gravidanza e il postpartum sono due fasi importanti in ogni donna, che, di fatto, possono scatenare eventi depressivi.

Fattori ambientali

I medici considerano qualsiasi attività, pensiero o azione negativa come potenziali eventi che possono scatenare questa patologia, tra cui, abbiamo stress, ansia, problemi personali, incapacità di raggiungere obiettivi, droghe, alcol, ecc.

Come sappiamo quando siamo depressi?

Per parlare più semplicemente dei sintomi della depressione, spieghiamo il suo nucleo di questa malattia:

  • Tristezza patologica: oltre a ciò che conosciamo come tristezza, possiamo parlare di "patologico" quando lo combiniamo con la perdita di attenzione, l'incapacità di controllare il pianto, la bassa autostima e i sensi di colpa.
  • Diminuzione della vitalità: la capacità di fare cose nuove, di muoversi o provare qualcosa, oltre alle azioni necessarie per vivere, non esiste più. Comprendiamo che siamo molto stanchi; abbiamo una sensazione infinita di affaticamento non legata al sonno, perché, nonostante il sonno, siamo ancora stanchi.
  • Perdita di interesse: ci rifiutiamo di compiere qualsiasi azione o anche di avere pensieri positivi, il negativismo ci consuma completamente e cambia il nostro modo di vedere il mondo. "Qual è il punto di farlo ...?" O "perché dovrebbe cambiare ...?" Sono alcuni dei pensieri frequenti che invadono la nostra mente.

Diagnosi della depressione

Anche se sospetti di averlo, o che qualcuno vicino a te soffra di depressione, solo lo specialista medico può diagnosticarlo con certezza.

Ci vuole più di un momento di tristezza assoluta o di umore basso per parlare di depressione. Anche se la morte di un parente stretto può essere l'innesco della depressione, non significa che tutti coloro che perdono una persona amata saranno depressi. Questa differenziazione è ciò che il tuo specialista dovrebbe fare.

In generale, è necessario testare l'intensità dei sintomi, la loro durata (che è maggiore di 2 settimane) e la disabilità che genera su di te, cioè se ti permette o meno di svolgere normalmente le tue attività quotidiane. Questa è una malattia importante con un alto grado di disabilità, quindi chiunque ne soffra cambierà sicuramente la loro routine e il loro comportamento.

Tra le tecniche eseguite:

1) Colloquio diagnostico: il tuo medico lo usa per conoscerti e trovare i possibili tratti o fattori che hanno origine dalla malattia.

2) Scarto organico: come detto sopra, molte altre malattie possono causare depressione a causa del loro effetto sui livelli di serotonina, quindi è necessario eseguire esami del sangue e altri studi per escludere la possibilità che ci siano altre patologie associate.

3) Test psicodiagnostici: lo strumento definitivo che darà al tuo medico la massima certezza nella diagnosi.

Trattamento: oltre i farmaci

La depressione è una malattia multifattoriale affrontata da ogni possibile punto di vista, per questo, sebbene i farmaci siano l'alternativa più conosciuta, abbiamo varie tecniche e terapie. Parliamo un po 'di ciascuno di essi:

Psicofarmaci

Il primo e più discusso sono i farmaci usati per la depressione. Il più importante è il gruppo di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), che consentono a questo neurotrasmettitore di occupare lo spazio sinaptico per un tempo più lungo, consentendo alla serotonina di mantenere i suoi livelli - diminuzione della depressione - in modo da mantenere uno stato d'animo positivo.

Sfortunatamente, tutti hanno effetti collaterali che possono essere dannosi ed è necessario che il medico si alternino tra loro per ottenere quello che fa per te. Nonostante questi effetti, è necessario attenersi e mantenere il trattamento; il medico ti fornirà altri farmaci e metodi per evitare o diminuire l'intensità di questi effetti indesiderati.

Allo stesso modo, il medico ti osserverà da vicino e chiederà il sostegno di parenti o amici, poiché questi farmaci possono avere effetti pericolosi sulla tua salute, non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, dove possono apparire anche idee suicide.

Psicoterapia

Questo è un pilastro fondamentale in ogni terapia; il tuo specialista cercherà di sviluppare il suo stile di terapia in te, sia attraverso l'analisi che i cambiamenti nel comportamento. I medici cercano di arrivare alla fonte del conflitto e trattarlo, e per questo, usano diversi schemi e metodi che possono richiedere diverse sessioni. Inoltre, parlare dei tuoi problemi genera soddisfazione e una sensazione di felicità; vieni curato e capito da una persona che si prende cura della tua salute.

La tua famiglia è parte del progresso, saranno quelli che eviteranno il tuo isolamento e collaboreranno con il tuo sentimento di profonda tristezza, in modo che il medico possa eseguire terapie che li coinvolgono o coinvolgere direttamente il conflitto o l'origine del problema.

Non aver paura di esprimere i tuoi sentimenti, capisci che anche se i prodotti farmaceutici sono una parte fondamentale del trattamento, la psicoterapia è il complemento ideale ad esso. Con la psicoterapia ti offriranno sicurezza, confidenza, comprensione e sostegno emotivo, correggeranno i tuoi pensieri, spiegheranno la tua situazione in modo da essere calmo e ti insegneranno a evitare le ricadute.

Comment

Our Location